Si muove qualcosa ad Alessandria?

Sono incentrato al momento in ambito teatrale.
Ci sono due proposte per il mese di luglio:

  • una è un conflitto di interessi… la proposta di BlogAL e compagnia teatrale Gli Illegali in collaborazione e amicizia con Chiostro di Santa Maria di Castello, contributo Fondazione SociAL che porterà quattro spettacoli al Chiostro. Trovate tutte le info qui https://www.illegali.it/
    Questo post non è solo pubblicità perché mi chiedo anche come venga reinterpretato il periodo che abbiamo vissuto che non ci può portare solo regole.
    Come compagnia dedicheremo uno spettacolo all’argomento e proporremo tramite monologji itineranti, una soluzione di per sè non originale ovviamente, una nostra interpretazione del periodo. I testi sono tutti scritti da noi, oppure sono una raccolta dei testi inviati dagli alessandrini all’iniziativa Accogliamo la memoria illegali.it/memoria che è ancora attiva. Questa è la novità, raccogliere le voci della città di questo periodo affinché la memoria si conservi
  • la seconda iniziativa ovviamente ugualmente importante viene portata avanti dagli Stregatti. Leggo:
    “sabato 18 e domenica 19 luglio due sere consecutive con due rappresentazioni al giorno (ore 20 e 22) per venti attori, nel cortile interno del Teatro San Francesco. In scena, per la regia di Gianluca Ghnò e Giusy Barone, Le Baccanti di Euripide”
    Sono molto curoso in quanto la compagnia reintepreta le regole del distanziamento a teatro presentando uno spettacolo corale, sfida ambiziosa in questo periodo, e leggo
    “Gli attori saranno fermi, in scena ci sono corde che segneranno il distanziamento, ma soprattutto serviranno a fini drammaturgici. Ci saranno anche le mascherine, che accompagneranno la spoliazione dei protagonisti e il loro incamminamento verso una nuova civiltà omologata"

L’utilizzo dei materiali e delle fobie che ci hanno accompagnato in questo periodo sviluppati teatralmente è un tentativo che mi incuriosisce e che merita rispetto e attenzione

Sono dei tentativi, degli esperimenti per cercare di resistere ad un’estate diversa dalle altre, mai vissuta in questo modo.
La voglia di reagire e di ritrovarsi è forte, ma non bisogna procedere comportandosi come se non fosse successo nulla.
Due compagnie del territorio che vogliono essere accanto alla città offrendo eventi nella massima sicurezza.
Bravi!