Fenomenologia dei totem

Qualche giorno fa ho discusso sui social sulla presunta utilità dei totem presenti nella nostra città e che veicolano informazioni turistiche.
Tutto è nato dal fatto che stavo andando in bicicletta verso il Cristo, e alla fine della pista ciclabile è presente un totem totalmente sventrato.
Ovviamente il vandalismo è un problema nella nostra città, ma penso che l’utilizzo di totem con informazioni statiche e non aggiornate non sia un buon metodo per incrementare il turismo e per aiutare il turista.
Sono andato a vedermi gli altri totem intatti e devo dare atto che non c’erano informazioni ad alta variabilità che possano subire variazioni.
Cosa facciamo quando siamo in un’altra città? Renza, mia moglie, punta sempre all’ufficio turistico e ho notato quanto sia importante il fattore umano e la conoscenza che la persona ha del posto proprio per aver provato il territorio personalmente.
Nella nostra città abbiamo un punto di informazione al chiostro di santa maria di castello gestito da alexala e un altro credo sotto i portici accanto al comune … o forse
Unificare i punti di informazione, investendo in personale qualificato a mio parere incrementa la sensazione di una città attenta al turista.
Forse la dislocazione sarebbe da rivedere (è sicuramente attrattiva e di fascino ma logisticamente un po’ decentrata rispetto ad esempio alla stazione)
Voi cosa ne pensate?