Banchi rotanti

Per chi come me ha un’età oltre i 20 anni… si ricorderà che una delle armi di Goldrake erano le lame rotanti. Oggi invece parliamo di banchi rotanti
La notizia è questa
https://radiogold.it/cronaca/239246-cellini-valenza-sedie-scuola-covid-19/

ovvero l’Istituto Cellini di Valenza acquista i banchi proposti dal ministero, per intenderci quelli dotati di ruote.

Diciamo che non ho ancora sviluppato un pensiero verso questa soluzione. Sono perplesso sull’autonomia scolastica. In un momento veramente complesso per la ripresa scolastica, assegnare delle linee guida molto generali e pensare che ogni dirigente scolastico possa decidere in autonomia le indicazioni per la sua scuola mi pare una soluzione straniante.
L’argomento è complesso e di non facile soluzione. Una classe in generale attualmente contiene nelle scuole primarie in genere dai 16 ai 20 bambini e bambine.
E’ un ambiente chiuso e in questo momento con spazi solo suffficienti per una didattica pre emergenza covid.
Non c’è mai stata una vera progettazione degli spazi scolastici e su questo argomento non vedo molte differenze con la mia generazione.
C’è da dire che noi sfruttavamo moltissimo gli spazi all’esterno, cortile, brevi passeggiate, gite nei dintorni del quartiere, attività che in questo momento non vengono contemplate.
Insomma sono abbastanza confuso sull’argomento e sull’ottimizzazione delle regole di ripresa.
Voi cosa ne pensate?